Formazione

 

Un Paese che investe costantemente nella formazione è un Paese che vuole valorizzare l’individuo. La scuola deve rispondere agli stimoli del presente, mantenendo però una rotta ben chiara: istruire e preparare i giovani alla vita, mettendo loro in mano gli strumenti per capire e capirsi. La scuola non deve sostituirsi in modo paternalistico alla famiglia e nemmeno rincorrere ogni tentazione egualitaristica. La missione dell’insegnamento è di dotare ognuno di tutti i mezzi necessari per sviluppare le capacità e i diversi talenti che ciascuno racchiude, capire gli altri ed il mondo circostante, nonché per esercitare i propri diritti di cittadino con cognizione di causa. La ricchezza culturale e la preparazione al lavoro sono due pilastri su cui poggia lo sviluppo della società. Per questo motivo occorre agire su più fronti e più livelli combinando con coesione sociale e promozione del talento.


La proposta di GLRT vuole una maggiore competitività dei giovani ticinesi, una migliore preparazione all’entrata nel mondo del lavoro e una scuola al passo coi tempi. 

 

Maggiore competitività dei giovani ticinesi: formiamo cittadini e professionisti:

  • Potenziare lo studio delle lingue nella scuola dell’obbligo (in particolare la lingua tedesca, che fa la differenza tra noi e il frontaliere) e postobbligatoria (p. es. curricula bilingue, scambi linguistici);

  • Promuovere una cultura d’impresa all’interno delle scuole professionali, commerciali e superiori;

  • Stop agli abusi nella formazione (falsi apprendisti, ecc.).

 

Preparazione più efficace degli studenti di scuola media alle scelte professionali:

  • Maggiore differenziazione curricolare e pedagogica nella scuola media;

  • Orientamento professionale personalizzato (cfr. Zurigo);

  • Più visite informative o stages esplorativi nelle imprese per giovani di quarta media indirizzati verso l’apprendistato.

 

Scuola più moderna e al passo con i tempi:

  • Formulario di valutazione docenti nella scuola postobbligatoria;

  • Inserire nei programmi tematiche attuali (sviluppo sostenibile, cyber bullismo/sexting, vandalismi, littering,…).