GLRLV: Turismo, avanti tutta

I Giovani Liberali Radicali del locarnese e valli hanno avuto un incontro, ad inizio maggio, con i membri di direzione ed alcuni esponenti del CdA dell' Organizzazione Turistica Lago Maggiore e Valli.

Nell’incontro è stata presentata l’operatività della organizzazione turistica, il suo organigramma ed il programma di marketing, nonché alcune cifre sull'importanza dell'indotto economico che il turismo porta a livello regionale e cantonale

  • L’indotto economico dei pernottamenti nella regione del locarnese: CHF. 274 milioni
  • L’indotto economico delle residenze secondarie: CHF 400'000’000
  • Posti di lavoro: 7000 nel locarnese per un totale di 22'000 in tutto il Cantone Ticino.

A titolo d’esempio citiamo che la OTLMV rappresenta la destinazione turistica più importante in Ticino per numero di pernottamenti

Gli studi effettuati negli ultimi anni hanno portato a degli investimenti mirati su potenziali clienti attratti dalla nostra regione, riorganizzando le attività di marketing verso dei segmenti con potenziale che erano stati dimenticati negli ultimi anni.

I giovani PLR, circa una 15ina presenti, hanno potuto porre domande ad esperti nel settore e discutere su alcuni temi riguardo la politica, soprattutto dove quella cantonale può migliorare. Come anche i comuni, ad esempio creando il dicastero Turismo, come già fatto, ad esempio, da Ascona e Locarno.

Anche i Giovani Liberali Radicali del locarnese e valli sono rimasti "sconcertati" dalla dichiarazione fatta negli scorsi giorni concernente la proposta di unire tutti gli enti sotto lo stesso tetto e si uniscono alla presa di posizione del presidente della OTLMV Aldo Merlini. L'organizzazione deve rimanere autonoma, il team funziona e l'ha dimostrato con i pernottamenti dell'anno scorso, ma soprattutto di quest'anno! Ogni destinazione turistica regionale ha un proprio diverso mercato di sbocco, i turisti di Locarno non sono i medesimi di Lugano e l’importanza di poter perseguire delle strategie di marketing differenziato risulta fondamentale visto l’eterogeneità del territorio ticinese.

I Giovani Liberali Radicali del locarnese e valli dicono NO all’ennesima centralizzazione di potere decisionale a scapito di una regione importante come il locarnese.

In aggiunta, secondo i GLR i fondi cantonali dovrebbero essere aumentati per lasciar maggior margine di manovra ad un settore che genera un indotto economico così importante per la nostra regione.