GLRLV: Un piccolo grande passo per la regione del Locarnese

Da pochi giorni è stato inaugurato un importante gioiello per la regione del Locarnese: il PalaCinema.

Questa struttura, infatti, oltre a essere un punto riferimento al Pardo Film Festival, andrà a rafforzare e rinnovare le sinergie di tutto il contesto della cultura audiovisiva e degli spettacoli della regione. Oltre a offrire proiezioni cinematografiche alla popolazione, ospiterà gli uffici della Ticino Film Commision, il CISA (Conservatorio internazionale di scienze audiovisive), nonché dei corsi della SUPSI in tecnologie e media in educazione. Finalmente il locarnese riprende il volo nell’importanza del panorama cantonale, riuscendo a ottenere lo spostamento di corsi e formazioni sin ora svolte nel luganese. Che sia il primo passo per il trasferimento anche della Scuola superiore alberghiera e del turismo? Speriamo!

Bisogna pertanto dare merito a chi è riuscito con tenacia ad elaborare e concretizzare in tempi stretti e ben definiti questo straordinario progetto. Tale concretezza è sinonimo di forza e compattezza da parte di tutti gli attori coinvolti (persone fisiche e giuridiche) che fin da subito hanno creduto nel progetto e sono sati in grado di portare a termine ciò che sembra essere già un punto chiave per la città e per tutto il Cantone. Il PalaCinema dimostra che una regione unita in un progetto può ottenere dei risultati futuristici e all’avanguardia.

Come spesso accade, i protagonisti di questo progetto hanno dovuto scontrarsi con le usuali critiche che, almeno questa volta, si sono rivelate controproducenti a chi ha preferito rintanarsi nel solito guscio non mostrandosi aperto al nostro futuro.

Per questo motivo i giovani liberali radicali del locarnese e valli, rispecchiandosi e immedesimandosi pienamente nel progetto, hanno voluto impegnarsi contribuendo all’acquisto di un pezzo della Piazza Remo Rossi. Lo stesso movimento, inoltre, con questo gesto vuole mandare un chiaro segnale per dimostrarsi vicino all’idea e nello sviluppo futuro di tutta la struttura che dovrà essere sempre utilizzata ed occupata positivamente fruttandone dei benefici importanti per tutta la società. Insomma, la mattonella simbolica è solo un punto di partenza e un piccolo ma grande passo per la regione del Locarnese.